CASO MILINGO: IL VESCOVO ESORCISTA, NON MI PENTO E NON CERCO IL PAPA

Roma, 22 gen. – (Adnkronos) – Milingo a Roma per presentare il film che ha girato sulla sua vita coglie l’occasione per rivendicare le sue scelte, sostenendo di non pentirsi di avere sposato l’agopuntirista coreana Maria Sung. “Io non cerco il Papa, il Papa non cerca me e comunque io ho ragione”, ha messo in chiaro il vescovo esorcista scomunicato dal Vaticano per avere ordinato vescovi quattro sacerdoti sposati, intervenendo ieri sera al Centro Russia ecumenica diretto dal sacerdote-giornalista don Sergio Mercanzin, dove e’stato presentata la pellicola. Io, la Chiesa, il diavolo’

In un’ora circa, l’ex arcivescovo di Lusaka ha cercato di condensare gli aspetti fondamentali della sua lunga e discussa esistenza. Tante le testimonianze contenute nel docu-film in cui vengono raccontati anche gli esorcismi praticati da Emmanuel Milingo. Il film, già disponibile in italiano e inglese, come ha raccontato lo stesso Milingo sarà tradotto in tutte le lingue. La presentazione del film è stata anche l’occasione per intervenire sui temi caldi sui rapporti tra Milingo e la Santa Sede.

“Contesto la scomunica -ha affermato il grande esorcista- anche se essa non ha mai ucciso nessuno. Anzi in virtù di questa è come se avessi più forza perchè mi hanno dato l’aureola del martire”. Accanto a Milingo l’inseparabile moglie del vescovo Maria Sung sposata a New York il 27 maggio 2001 con rito moon. In proposito, nello spiegare queste nozze Milingo ha avuto modo di confidare ai suoi amici di aver voluto provocare “un grande shoc” anche se, ha detto ancora, “Maria non ha cambiato la mia vita sacerdotale”. Ma lei ha voluto subito mettere in chiaro che “Milingo mi ha sposato perchè innamorato di me”.

Fonte tratta da
Libero

Comments are closed.

Questo sito web utilizza i cookies. L’utente è consapevole che, se naviga sul nostro sito web, implicitamente accetta l’utilizzo dei cookies